@WebsterGTarpley

Archives

Al Qaida: Pedine Dell’Insurrezione Della CIA Dalla Libia Allo Yemen

« Italiano Index

Webster G. Tarpley, Ph.D.
TARPLEY.net
3 Aprile 2011

Dopo due settimane di attacchi imperialistici, la Libia viene ora straziata dai terroristi di al Qaida, dalla guerra civile, dai raid aerei della NATO, dai missili Cruise, dai droni Predator e dagli aerei da combattimento C-130, tutte cose rese possibili dai ribelli della Cirenaica sostenuti dalla CIA. Commandos statunitensi, britannici, francesi e olandesi hanno assunto la leadership delle forze ribelli e le stanno armando con armamenti moderni in flagrante violazione dell’embargo sulle armi specificato nella risoluzione ONU 1973. Inoltre al Qaida, per conto suo, sta già rubando armi pesanti, come ha riferito il presidente del Ciad. La fatua retorica delle rivoluzioni colorate di matrice angloamericana si è dissolta, per mostrare alla luce del sole l’orrenda realtà di una cinica e brutale furia imperialistica volta a distruggere lo stesso Stato-nazione moderno.

I ribelli: il Triumvirato del Terrore al comando di Derna

Second il “Daily Telegraph” londinese del 26 marzo, Derna, città chiave nel cuore dell’area dei ribelli, fra Bengasi e Tobruk, è comandata da al-Hasidi, un capofila di terroristi di al Qaida che si è addestrato e si è intrattenuto amichevolmente con Osama bin Laden presso il campo di addestramento di terroristi di Khost, in Afghanistan. Hasidi si vanta di aver inviato 25 miliziani a combattere contro le forze NATO e statunitensi in Afghanistan; viene da chiedersi quante persone siano riusciti a uccidere. Hasidi è stato un prigioniero di guerra degli Stati Uniti dopo essere stato catturato dai pakistani, ma il “Wall Street Journal” del 2 aprile racconta che egli oggi odia gli Stati Uniti per “meno del 50%”, con ciò suggerendo che gli americani possono redimersi compiacendo al Qaida e quindi fornendole armi, denaro, potere politico e supporto diplomatico. Al suo fianco nella leadership della città c’è Sufian bin Komu, lo chauffeur di Osama bin Laden, un altro terrorista che è stato in carcere a Guantanamo per 6 anni. Inoltre, fra i pezzi grossi della città di Derna c’è al-Barrani, un devoto membro del Libyan Islamic Fighting Group, che si era fuso con al Qaida nel 2007.

Questo branco di fanatici, psicotici e criminali è annunciato dai media della CIA come una classe dirigente capace di garantire un futuro di democrazia alla Libia. In realtà, il consiglio dei ribelli di Bengasi, pesantemente disseminato di terroristi di al Qaida, non può far altro che presiedere alla discesa del Paese nel caos del tribalismo, dei signori della guerra e di associazioni a delinquere che determinerebbero la fine della stessa civiltà in quell’area. Questo sembra essere esattamente l’obiettivo delle politiche statunitensi, e non solo in Libia.

Derna, Nordest della Libia: capitale mondiale del reclutamento di terroristi

E queste persone non sono neppure atipiche. Uno studio del dicembre 2007 da parte dell’accademia militare statunitense di West Point ha mostrato che la Libia (che conta una popolazione di 7 milioni di abitanti) ha fornito il 20% di tutti i combattenti di al Qaida che attraversavano il confine con l’Iraq dalla Siria. Questa stessa città di Derna (60.000 abitanti) era il più grande centro per il reclutamento di terroristi al mondo e superava perfino Riyadh, in Arabia Saudita (4,5 milioni di abitanti); la città ribelle di Bengasi rientrava fra le prime quattro in classifica. La Libia ha inviato il doppio dei terroristi in Iraq pro capite rispetto all’Arabia Saudita e l’85% dei libici che ha indicato una specialità, ha scelto quella di kamikaze.

L’“Economist” londinese, la BBC Newsnight e un numero crescente di trombetti accademici pro-Obama stanno tentando di nascondere questi semplici fatti. Essi argomentano che questi ora sono terroristi maturi, pluralisti, democratici. Quell’operazione di desecretazione limitata di informazioni della CIA, nota come Wikileaks, ha contribuito fornendo alcuni cablogrammi manipolati i quali erano tesi a mostrare che in realtà era il supporto degli Stati Uniti a Gheddafi che aveva spinto questi fanatici alla disperazione e al terrorismo, e questo fa anche parte della posizione assunta dalla CIA.

Il primo aprile, gli stessi ribelli di Bengasi hanno usato la presenza mediatica alle preghiere del venerdì per innalzare cartelli dove si negava che la ribellione era diretta da al Qaida. Se è così, allora che espellano il triumvirato del terrore che regge Derna e che rivelino i nomi delle decine e decine di membri anonimi del consiglio dei ribelli, di cui si sospetta l’appartenenza ad al Qaida.

Hillary Clinton ammette di non avere “sotto gli occhi il 100%” di ciò che sono i ribelli, e l’ammiraglio statunitense Stavridis, comandante della NATO, ha riferito al Comitato dei Servizi Armati del Senato che egli vede solo “deboli segnali” di al Qaida. In realtà, il ruolo centrale di al Qaida non si mostra affatto con “deboli segnali”, ma è chiaro come la luce del sole a mezzogiorno nel Mediterraneo.

Quattro piaghe della Libia: tribù monarchiche e razziste, al Qaida, la CIA, i generali traditori

L’insurrezione libica ha quattro componenti. La prima è fornita dai britannici e consiste nelle tribù monarchiche e razziste degli Harabi e degli Obeidat del corridoio di Bengasi-Derna-Tobruk, la cui cultura tradizionale è quella oscurantista dell’Ordine dei Senussi. Durante la resistenza al colonialismo italiano, queste tribù si erano alleate con i britannici ed erano state ricompensate vedendo il capo dell’Ordine dei Senussi posto al trono nella persona di re Idris I, detronizzato da Gheddafi nel 1968. Privati del loro ruolo come classe dirigente monarchica, queste tribù odiano le tribù filogheddafi nere o di pelle scura dei Fezzan, che occupano l’area Sudovest della Libia, e quest’odio è sfociato nel linciaggio e nel massacro di molti africani neri del Ciad, del Mali e del Sudan che lavoravano in Libia e che i media occidentali hanno ignorato.

Enan Obeidi, la donna che sostiene di essere stata stuprata dalle forze armate di Gheddafi, è una Obeidat di Bengasi, e questo induce a sollevare qualche dubbio sulla sua storia. Per i media si tratta di una riedizione della bufala delle incubatrici del Kuwait nel 1990: la vicenda potrebbe essere stata creata ad arte per alimentare l’isteria bellica contro Gheddafi.

Due ingredienti vengono dalla CIA. Si tratta della stessa al Qaida, fondata come Legione Araba della CIA contro l’URSS dal vicedirettore della CIA Robert Gates – attuale Segretario alla Difesa – in Afghanistan nel 1981-82. Un altro ingrediente della CIA è il Libyan National Salvation Front, che aveva sede prima in Sudan e poi nella Virginia, e che si presume invii la risorsa della CIA Khalifa Hifter a dirigere i militari ribelli, molto probabilmente anche per nascondere la presenza di membri di al Qaida.

Una quarta componente proviene dai francesi, che lo scorso autunno hanno organizzato la defezione di un socio di Gheddafi di alto livello, Nouri Mesmari, come ha riferito il “Maghreb Confidential”. Una cricca di generali che circondano Mesmari l’ha aiutato a fomentare gli ammutinamenti militari contro Gheddafi nel Nordest della Libia.

E la Libia non è la sola. Nello Yemen, gli agenti di al Qaida sono componenti decisive del tentativo di golpe della CIA contro il presidente Saleh, che viene oggi promosso dagli Stati Uniti al fine di frammentare lo Yemen in due o più Stati superstiti. Qui il leader di al Qaida è al-Shihri, un saudita che era stato liberato insieme ad altri prigionieri di Guantanamo e inviato nello Yemen dall’amministrazione Bush, con un gesto pubblicizzato come “umanitario” ma che in realtà aveva fornito il capo della futura destabilizzazione. Sempre nello Yemen c’è Anwar Awlaki, nato negli Stati Uniti e noto agli addetti ai lavori come “Awlaki the CIA lackey” (Awlaki il lacchè della CIA), chiaramente un doppio agente, che è stato usato per bollare come membri di al Qaida per scopi propagandistici dozzine di terroristi, inclusi i sei di Fort Dix, il Maggiore Hasan di Fort Hood, e Mutallab della Nigeria, il kamikaze con l’esplosivo nelle mutande salito all’onore della cronaca nel Natale 2009.

In Siria, l’obiettivo della CIA è di privare l’Iran di un alleato, isolare Hezbollah, cacciare la Russia dalla base navale di Tartus e aumentare il potere dei Fratelli Musulmani, che oggi è la principale forza in grado di promuovere l’insurrezione al servizio di Washington.

Si chieda al Dipartimento di Stato di spiegare perché gli USA stanno armando i terroristi di al Qaida

Il Primo Ministro turco Erdogan ha giustamente messo in guardia contro le politiche NATO sulla fornitura di armi ai ribelli libici, poiché ciò “gioverebbe al terrorismo.” Anche il Ministro degli Esteri russo Lavrov ha condannato qualunque fornitura di armi ai ribelli da parte della NATO. Il richiamo di Papa Benedetto XVI a un cessate il fuoco va nella stessa direzione. Russia, Turchia, Cina e altri governi devono ora chiedere formalmente spiegazioni al Dipartimento di Stato e chiedere loro perché gli Stati Uniti forniscono armamenti moderni e addestramento ai più pericolosi terroristi internazionali e propongono al tempo stesso di donare loro ampie porzioni dei 32 miliardi di risorse congelate del governo libico, più una quota dei futuri proventi del petrolio. Questo basta per portare il Mediterraneo, il mondo arabo e l’Europa meridionale all’ebollizione, fra rifugiati, pirateria, al caos e alla guerra.

Sotto Bush e Cheney, la presunta presenza di al Qaida era usata come pretesto per bombardamenti e invasioni. Sotto Obama, l’imperialismo angloamericano, moribondo e spinto oltre le proprie capacità, sta servendosi di al Qaida come infanteria irregolare nello sforzo di perseguitare e paralizzare gli Stati-nazione del mondo, inducendoli a disintegrarsi nel caos tribale, settario, criminale dei signori della guerra. Nella fase attuale, al Qaida è tornata ad assumere il suo status originale di ente preposto alla guerriglia per conto della CIA. Di conseguenza, la stessa civiltà è minacciata in vaste aree del globo. Se siete scettici, vi basta dare un’occhiata al consiglio della città di Derna, in Libia.

Be Sociable, Share!